Tecnologia post lockdown

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Tecnologia post lockdown.

Cos’è cambiato ma soprattutto cosa cambierà?

Tutte le aziende volenti o nolenti hanno dovuto cimentarsi nel cosiddetto smartworking. Ma cosa sarebbe accaduto se la pandemia fosse esplosa 20 anni fa? Probabilmente la maggior parte delle aziende avrebbe dovuto chiudere con la speranza di ripartire alla fine della quarantena.

Oggi, in piena crisi pandemica, moltissimi lavoratori svolgono il proprio compito da casa, senza nessuna variazione se non del luogo fisico in cui lo svolgono

A cosa dobbiamo tutto ciò? Senza dubbio alla tecnologia.

Siamo arrivato alla consapevolezza oggi che quanto più si restringono gli spazi fisici maggiormente si aprono quelli digitali.

E non solo in campo lavorativo ma anche in ambito familiare e relazionale.

Dalle lezioni on-line alle videochiamate con i parenti, tutto oggi passa attraverso la tecnologia.

Ma la presa coscienza dell’importanza della tecnologia nella nostra quotidianità e il cambio metodo lavorativo come inciderà nell’era post lockdown?

Facciamo un passo indietro.

Fino a qualche anno fa la tecnologia era vista in contrapposizione all’uomo.

La fredda e programmata tecnologia digitale versus l’uomo, sinomino di relazione e sentimento che mai si sarebbe potuto paragonare ad una macchina.

Ma oggi questo stereotipo è realmente cambiato?

Non possiamo dire che non vi siano stati cambiamenti, ma neanche ch vi sia stata una vera riconversione alla tecnologia. Oggi, sicuramente più di ieri, si tende ad affiancare ciò che è definito come spazio digitale e spazio analogico.

Tutto ciò crea letteralmente un nuovo ecosistema.

Senza dubbio, il lockdown, ci ha fatto capire l’importanza della tecnologia ma anche la mancata cultura su di essa che pervade ancora il nostro Paese.

Per avere una vera riconversione del Paese nell’ era digitale non solo si ha bisogno di un investimento economico adeguato, a cui il governo sta lavorando.

Ciò di cui si ha realmente bisogno è un cambiamento di mentalità e di azione, non solo da parte dei leader aziendali ma anche dal singolo cittadino.

Sarà possibile un nuovo rapporto tra tecnologia ed uomo dopo il lockdown? Si potrà pensare ad una sinergia tra i due?

E’ con questa riflessione che vi lasciamo oggi.

Un saluto

Il team comunciazionesulweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie